Night Hunter | Exclusive Interview with David Raymond

David Raymond, director of Night Hunter, a thriller movie starring Henry Cavill, Ben Kingsley and Alexandra Daddario, talked to us about the movie, about Henry Cavill and his faithful companion Kal.


David, May I start this by congratulating you on your recent success with Night Hunter, which we will speak of soon, but before that we would like to know a little bit more of you. You are immensely acclaimed by the public and by fellow directors, and that’s what made us want to know you better.

How did your passion for cinema and screenplay writing started? And how was the path until now?

I’ve always LOVED movies since I was a kid… I would watch films over and over again with my brothers. I always wanted to be a film maker, but it takes a while for that inner voice to gnaw away at you until you give up a stable life and go for it. I wrote my way into the industry… it’s a long path but rewarding one hopefully.

How was the creative process of “Night Hunter”? Was there a specific motivation behind it? What challenges did you face?

Loved the creative process, writing, directing and especially getting to work with my actors. Many lessons learnt in post production. The challenges were numerous but we got by. It was a tiny budget film with a big cast so everyone assumes we had lots of money and time. Add that to minus 20 weather and you’ve a melting or rather freezer of issues. But we got through it!

How were the screen tests and the casting process?

The only people I really screened tested were Eliana Jones and Brendan Fletcher. Both had critical roles to the film and I was absolutely delighted to have found them.

Tell us a little bit about the daily routine on set? Winnipeg can be a tricky place when it comes to the weather conditions. Would you share with us some funny or memorable moments from those days?

The daily routine… wake up after 2 or 3 hours slept. Coffee. Winter clothes, and by this I mean 4 or 5 layers of them. More coffee. Get to set, find out the trucks aren’t there or the location hasn’t been booked properly. More coffee. Trucks arrive with all the wrong kit in them. Figure out what we can use. By now it’s been 3 or 4 hours gone. Call the Film Commissioner to ask for help. He arrives. More coffee. Fall over on the ice. Ouch. Ignore the pain. Breakfast is a banana washed down with coffee. Finally film for an hour but then have to break for lunch, legally that is. Over lunch have emergency meetings to find out what’s going wrong and how to fix it. After lunch start shooting properly, that is after dressing the set which hasn’t been done. More coffee. Losing the daylight. Now lighting day for night, which saps up more time for lighting. Which is a disaster because some lights don’t have bulbs, but the lighting guy puts them up anyway. Dinner time. More coffee.  Your shooting schedule gets torn in half. The actors are wondering why we haven’t been shooting all day. I’m starting to realize pulling my hair out doesn’t make for a good look at my young age. More coffee. Wrap for the day. Go home, try and rewrite scenes because you’ve lost scenes that would have made the film make sense. Emergency meeting at hotel with local producers who can’t explain why things are going completely wrong. There aren’t the actual film producers on set, because they never showed up (except one of them). Everyone goes to sleep. I sit up rewriting scenes. Starring at my script pages I can no longer shoot. But… the performances are incredible so I cling to that and think as long as we have that, we’ll be ok. Think about icing my injuries then I remember I can’t feel them anyway because I’m mostly frozen. Sleep… in my clothes. Wake up…. And do it all over again. I’m not joking. 😊

How involved was Henry on the research to bring Detective Marshall to life? Did you get involved too or was it mainly Henry’s responsibility?

Henry’s the ultimate professional. He and I talked about his character a lot. He’s very smart when it comes to scripts and will make a great producer. His research though he does by himself. But he comes to set extremely prepared and ready to work hard.

What is your verdict about the final product after all the work you put into this movie?

Two sides to this coin. Proud, very proud especially of my actors. The fact the film is as good as it is, is a miracle given the production issues. The other side of the coin is frustrated. The film could have been great, instead I’ll have to settle for what we could achieve and learn lessons from it.

What can we expect of Henry Cavill’s performance in the movie?

I think it’s his most mature, subtle performance. There are moments of tenderness and vulnerability beneath a hard exterior that I’m very proud of. He’s a wonderful actor who is capable of disappearing into characters.

How was Kal’s presence on set taken by cast and crew?

He was by far the most intelligent thing on set. Mainly because he knew to stay indoors.

View this post on Instagram

Kal looking for Hal #GreenLantern #Kal

A post shared by Henry Cavill (@henrycavill) on

The Brazilian fans are eager to watch “Night Hunter”. Is there an estimated release date of the movie in Brazil?

It’s release date will be announced soon! But it is coming…

You mentioned on Instagram that you have upcoming projects. Can you reveal what they are about or will you keep it secret for now?

For now………….

Would you like to leave a message for the fans of Henry Cavill?

Your support for the project means the world to us all. I know Henry has the upmost respect to his fans because without you all… there would be little reason to keep creating! I’m sure you’re gonna love The Witcher and who knows what else is around the corner! He has a very long successful career ahead of him… and I join you all as a film maker and fan, hoping we get to see him don the red cape again and fly!

PWe would like to thank you immensely in advance for granting us the interview and for always being so kind towards our team at Portal Henry Cavill. We wish you all the best and good luck!

THANK YOU!

Night Hunter | Intervista Esclusiva con David Raymond



David Raymond, regista di Night Hunter, un film thriller con Henry Cavill, Ben Kingsley e Alexandra Daddario, ci ha parlato del film, di Henry Cavill e del suo fedele compagno Kal.

David, congratulazioni per il successo del suo ultimo film, Night Hunter. Prima di parlare questo, vogliamo conoscerti un po’. Sei molto caro sia al pubblico che ai professionisti della tua zona, il che risveglia sempre il desiderio di conoscerti meglio.

Com’è nato il gusto per il cinema e la scrittura di sceneggiature? E com’è stato la tua traiettoria finora?

Mi sono sempre piaciuti i film. Fin da molto piccolo, ho visto diversi film con i miei fratelli. Ho sempre desiderato diventare un regista, ma ci vuole un po’ di tempo prima che quella voce interiore parla abbastanza forte da convincerti a lasciare la tua zona di comfort e buttarti in questa difficile passeggiata. Così ho iniziato a scrivere e sono stato in grado di entrare in questo settore. È una lunga passeggiata, ma ne vale davvero la pena.

Night Hunter è un film scritto da te. Com’è stato il processo creativo? C’è stata qualche motivazione speciale per scrivere questo tipo di film? Quali sfide hai affrontato?

Il processo creativo è stato molto divertente, mi è piaciuto molto scrivere, dirigere e soprattutto lavorare con gli attori. Ho imparato molte lezioni durante il processo di post-produzione. Le sfide erano numerose, ma siamo riusciti a continuare. Il budget del film era, in realtà, inversamente proporzionale alle dimensioni del cast, ma tutti presumevano che avevamo un sacco di tempo e denaro. Ora, immaginate questo ad una temperatura di -20 gradi Celsius: Eravamo letteralmente in un raffreddore! Nonostante questo, l’abbiamo fatto.

Come sono stati i test e il processo di selezione del cast?

Le uniche persone che hanno effettivamente superato un test di casting sono state Eliana Jones e Brendan Fletcher. Interpretano personaggi cruciali nel film, quindi averli scoperti è stato assolutamente fantastico.

Com’era la routine sul set, in un posto come Winnipeg, che presenta alcune sfide meteorologiche? Puoi condividere con noi qualche momento del backstage indimenticabile o comico?

La nostra routine … beh, dai: ci svegliamo, dopo due o tre ore di sonno. Abbiamo preso un caffè. Indossavamo i nostri vestiti invernali, e per vestiti invernali voglio dire quattro o cinque strati di vestiti. Più caffè. Stavamo andando sul set del film e, quando siamo arrivati, abbiamo visto che i camion non c’erano o che il set non era stato prenotato correttamente. Più caffè. I camion sono finalmente arrivati, ma non hanno il materiale giusto. Abbiamo cercato di improvvisare e vedere cosa potevamo usare dal materiale che è arrivato. A quel punto, avevamo perso tre o quattro ore. Abbiamo chiamato lo sponsor per chiedere aiuto. Lui arriva. Beviamo più caffè. Siamo caduti sul ghiaccio. Beh! Ignoriamo il dolore. La colazione non è altro che una banana con – ovviamente – caffè. Finalmente siamo riusciti a filmare per un’ora, ma dobbiamo interrompere perché arriva l’ora di pranzo, durante la quale chiamo riunioni di emergenza per capire cosa sta andando storto e come impedire che vadano più male. Dopo pranzo, abbiamo effettivamente iniziato a registrare. Voglio dire, solo dopo aver impostato il set, perché non è stato fatto al mattino. Più caffè. È già il tramonto. Per questo motivo, dobbiamo perdere tempo a creare artificialmente una “luce del giorno” nel cuore della notte. Questo si rivela disastroso perché alcune delle luci che avremmo usato erano prive di lampadina, ma il ragazzo della luce finisce per metterle sul set comunque. Ora di cena. Più caffè. La routine di riprese era stata tagliata a metà e gli attori si chiedevano perché non abbiamo passato tutto il giorno a girare. Ho voglia di spostarmi dappertutto, ma mi rendo conto che alla mia “giovane età” questo potrebbe andare male. Più caffè. Abbiamo finito la giornata. Sto andando a casa, provando a riscrivere alcune scene perché dovevamo tagliare scene che avrebbero reso più sensato il film. Incontro di emergenza in hotel con produttori locali che non sanno spiegare perché tutto vada completamente storto. I produttori del film non erano davvero sul set perché non erano nemmeno mai venuti al lavoro (con l’eccezione di uno di loro). Tutti vanno a letto. Rimango sveglio, riscrivendo le scene. Guardo le pagine della mia sceneggiatura, con scene che non posso più registrare a causa del tempo. Tuttavia … la performance degli attori è fenomenale, quindi mi aggrappo a questo e penso che finché avremo performance sensazionali, staremo bene. Penso di mettere il ghiaccio sui miei ematomi, ma poi ricordo che non li sento più, perché sono parzialmente congelato. Dormo – con gli stessi vestiti che ho indossato tutto il giorno. Mi sveglio. E lo faccio di nuovo. No, non sto scherzando. 😊

Come è stata la ricerca di Henry sulla creazione del “tono” del detective Marshall? Hai partecipato o è stato più per conto di Henry?

Henry è estremamente professionale. Abbiamo parlato molto del suo personaggio. Lui capisce molto delle sceneggiature e sarà un grande produttore. Quanto alla ricerca, lui lo fa da solo, ma quando arriva sul set è estremamente preparato e pronto a lavorare duramente.

Come analizzi il risultato finale di tutto questo lavoro?

Sono due facce della stessa medaglia. Sono orgoglioso, soprattutto orgoglioso dei miei attori. Il fatto che il film abbia un bell’aspetto è stato un miracolo, dato che abbiamo avuto così tanti problemi di produzione. L’altro lato della medaglia è la frustrazione. Sono frustrato dal fatto che il film potrebbe essere molto meglio di quello che è, ma dovrò accontentarmi del risultato che abbiamo raggiunto; e vedere gli errori fatti come una lezione per evolvere e migliorare.

Cosa possiamo aspettare da Henry Cavill in questo film?

Penso che questo sia il personaggio più maturo e sottile che lui abbia mai interpretato. Allo stesso tempo, ci sono momenti in cui il personaggio dimostra sensibilità e vulnerabilità nonostante l’esterno di un “capadura” – e questo mi rende molto orgoglioso, poiché vedo che è un attore fantastico, in grado di dividersi in vari personaggi.

Kal è stato a Winnipeg. Com’è stato averlo sul set?

Era di gran lunga il più intelligente di tutti noi: sapeva che era più caldo all’interno del set – ed è esattamente dove si trovava.

View this post on Instagram

Kal looking for Hal #GreenLantern #Kal

A post shared by Henry Cavill (@henrycavill) on

Il pubblico brasiliano è ansioso di guardare Night Hunter. C’è qualche previsione per la proiezione?

La data di uscita sarà presto annunciata, ma quello che posso dire per ora è che questo giorno arriverà sicuramente!!!

Hai detto nel tuo account Instagram che stanno arrivando nuovi progetti. Puoi parlarne o lascerai a sorpresa?

Per ora, preferisco mantenere segreto …

Vuoi lasciare un messaggio ai fan di Henry Cavill?

Vorrei dire che il supporto dei fan è tutto per noi. So che Henry ha il massimo rispetto per i fan perché senza di loro non ci sarebbe motivo di continuare a creare contenuto. Sono sicuro che vi piacerai “The Witcher” e chi sa cos’altro sta arrivando? Henry ha una brillante carriera davanti a sé, e posso dire che mi considero uno di voi fan, quando dico che spero di vederlo presto in cielo indossando di nuovo quel cappuccio rosso!

Grazie mille per l’intervista e per l’affetto che hai sempre dato al Portale. Ti auguriamo buona fortuna e successo in tutto. Il Portale è la tua casa, sentiti sempre a tuo agio.

GRAZIE